header photo

rupescissa.com

racconti erotici di Rupescissa

eros esoterico : Picatrix - XX° sec. (parte prima)
Posted by Rupescissa on 2011/1/20 14:00:00 (5561 reads)

Cristina non aveva più fiato per ansimare, il pezzo duro e indeformabile dentro il suo ventre le limitava notevolmente i movimenti ma le piaceva da impazzire

Click to see original Image in a new windowIl sonno di Carlo era molto agitato come di regola da alcune settimane.

Sperava in quel periodo di ferie, in Agosto, per recuperare le forze e la tranquillità. Apparentemente non aveva motivi di seria preoccupazione, il lavoro andava bene e la sua relazione con Cristina aveva trovato nuovi eccitanti spunti da quando avevano iniziato a vivere insieme nella sua casa.

Quel senso d’oppressione, il sonno rovinato da sogni che non riusciva mai a ricordare, l’inappetenza e il conseguente dimagrimento lo tormentavano da circa tre mesi dopo l’inizio della convivenza. I medici interpellati non avevano rilevato niente di patologico ed erano concordi nel ritenere la sua psiche il vero colpevole senza, però, proporgli nessuna soluzione valida a parte un vago: " Si riposi un po’!".

Per quello si erano recati in Francia con l’intento di visitare la Linguadoca e l’Aude. In quei giorni si trovavano nei pressi del confine con la Provenza, in una zona d’ameni altipiani tagliati dal fiume Hérault.

Dopo la cena e una breve passeggiata nei campi nei pressi della villa di fine ‘600 trasformata in albergo, conquistarono la stanza da letto.

Cristina tentò, come di norma in quelle sere di vacanza, di risvegliare il suo desiderio sessuale, senza risultati apprezzabili. Carlo si scusò con lei, promettendole un risveglio di fuoco, poi tentò di riposare.

Forse fu il tentativo di seduzione messo in atto da Cristina a guidare i suoi sogni o forse no, ma sognò.



Sognò una donna molto bella, dai lunghi capelli rossi. Un corpo da favola, molto alta, dotata di uno sguardo a volte intenso e indagatore altre volte dolce e sensuale.

Portava indosso una tunica bianca legata in vita da un semplice cordino ed era scalza. Una catena al collo la legava alla statua, in grandezza naturale, di un uomo nudo dalla possente muscolatura, la testa coronata e una spada incisa sulla destra.

Mentre si avvicinava vedeva la sua bocca muoversi come per parlare ma, rapito dalla carnosità di quelle labbra non udiva alcun suono. Quando fu davanti a lei con estrema facilità la sciolse dalla catena, tant’è che si stupì che non l’avesse già fatto lei stessa da sola.

Con un’abile mossa, la donna, slegò la sua cintura e subito la tunica scivolò a terra, non indossava altro.

Era incredibilmente alta, poteva guardarla negli occhi mentre lentamente faceva aderire il corpo al suo.

Come accade nei sogni si ritrovò, all’improvviso, nudo come un verme, i suoi occhi vogliosi, il seno sodo premuto contro tanto da consentirgli di sentire la pressione dei capezzoli, lo eccitarono oltre ogni misura. Il bacino della ragazza si muoveva piano al ritmo del respiro stuzzicandogli il pene eretto, sentiva la sua pelle aderire al glande e poi staccarsi lentamente mentre si muoveva come se fosse dentro di lei.

Le accarezzò il viso guidandolo verso le sue labbra e la baciò. Lei rispose con passione mentre con una gamba lo avvinghiava. La strinse facendole scivolare una mano sulla schiena, raggiunto il sedere prese con forza una natica. Lei, allora, sollevò anche l'altro arto e se la ritrovò in braccio con le gambe aperte e la peluria della vagina premuta contro il membro.

La portò verso il letto e, delicatamente, la mise seduta sul bordo, quando staccò le labbra dal bacio le mani di lei corsero alla ricerca del pene. Se lo portò alla bocca ed iniziò a succhiarglielo molto lentamente quasi con dolcezza ma con un ritmo inesorabile. Lui provava un piacere caldo e pacato quando le sue labbra si dischiudevano intorno al glande per ingoiarlo. Quando, però succhiava con forza sembrava che tutto il suo seme volesse uscire in un colpo solo provocandogli una fitta di intenso piacere, violenta, quasi dolorosa.

Si allontanò di colpo dalla donna, per riprendere un minimo di controllo, quindi s’inginocchiò fra le sue gambe mentre con una mano la invitava a sdraiarsi completamente. La vista della leggera peluria rossa sul suo sesso fu un richiamo irresistibile, vi tuffò la lingua mentre con le mani si faceva spazio. Lei sospirava di piacere ed ebbe un forte fremito quando, con tutta la sua forza lui la penetrò con la lingua. Aveva un buon sapore e non smise di leccarla sino a quando i movimenti del suo bacino furono sintomatici di un imminente orgasmo.

Lei era li, sdraiata sul bordo del letto con le gambe aperte appoggiate a terra. Lui sempre in ginocchio di fronte a lei mentre con le mani le massaggiava ogni parte del corpo. Quando sentì il suo respiro regolarizzarsi appoggiò il pene alla vagina, guidandolo con una mano lo strofinò delicatamente. Un movimento del pube lo invitò dentro, allora spinse, prima delicatamente poi, non trovando alcuna resistenza, la penetrò a fondo.

Le sue gambe lo legarono nuovamente a impedendogli ogni movimento. Fu lei, muovendo il bacino e contraendo i muscoli giusti a gestire il loro piacere.

Arrivò all’orgasmo quasi subito, slacciò le gambe appoggiandole a terra e inarco il corpo. Lui, finalmente libero le diede quello che non aveva potuto darle prima, andò avanti e indietro cercando di seguire il ritmo delle sue ondate di piacere. Uno sguardo lo aiutò a capire cosa voleva ancora da lui. Venne dentro di lei, spingendo a fondo dentro il suo ventre, mentre lei inspirava a bocca aperta ad ogni suo impulso.

La donna non disse mai una parola, si rialzò e gli regalò ancora un breve bacio, dal suo sguardo s’intuiva la gratitudine.

Carlo si risvegliò, sudato ed estremamente eccitato. Aveva ancora ben chiaro in mente il viso di quella ragazza ma non riusciva a ricondurlo a nessuna donna da lui conosciuta. Non gli era mai capitato di fare dei sogni erotici dove le protagoniste erano donne sconosciute, normalmente sognava la sua compagna, qualche amica o conoscente che era riuscita ad accendere la sua fantasia ma mai una sconosciuta.

Osservò la sua donna che ancora stava dormendo. Appoggiata su di un fianco gli volgeva la schiena. L’invitante curva del suo sedere generò in lui un nuovo desiderio. Iniziò ad accarezzarle la schiena strappandole un leggero mugolio. Fece scorrere la mano dalla sua spalla sino in vita, poi risalì i fianchi. Si portò verso di lei mentre con la mano cercava la vagina. La trovò umida quindi, da dietro guidò il suo pene dentro di lei.

Se era già sveglia non lo diede a vedere, lo lasciò fare per un po’ poi iniziò a muoversi anche lei, ancora intorpidita dal sonno i suoi movimenti erano languidi e dolci come quelli della donna del sogno.

Cercò, con una mano, la vagina e iniziò a stimolarla mentre la penetrava. Trovò il suo collo con la bocca e lo baciò provocandogli leggeri brividi di piacere mentre il loro ritmo aumentava.

Lei, stando bene attenta a non farlo uscire sfruttava tutta la lunghezza del pene per poi chiudersi contro di lui quando lo aveva tutto dentro. Quando Carlo si accorse che stava per venire l’afferrò, una mano fra il materasso e il suo fianco, l’altra da sopra l’altro fianco aperta sul suo ventre per stringerla contro di se. Seguì, come nel sogno, il suo piacere cercando di incrementarlo con le spinte.

Non venne dentro di lei ma la invitò a girarsi, gli si mise a cavallo e appoggiò il membro in mezzo al seno che lei premette con le mani per farlo aderire bene. Le bastarono poche mosse per farsi inondare dal suo seme.



Carlo aveva deciso di eiaculare sul corpo della sua donna per verificare la quantità di seme che aveva a disposizione quel mattino. Il sogno era stato così reale da lasciargli dei forti dubbi sulla sua semplice valenza onirica.

Dopo quell’amplesso ritrovò parte della tranquillità che aveva perduto, convinto di poter attribuire l’agitazione delle sue notti ad un desiderio erotico non soddisfatto. Pensava che se avesse sfogato i suoi istinti, con la volenterosa collaborazione di Cristina, i suoi sonni sarebbero tornati normali … ma si sbagliava.



Dopo il forte temporale della notte, Carlo e Cristina, non speravano nel magnifico cielo azzurro ritratto nella finestra della loro camera d’albergo. Decisero d’approfittarne e di procurarsi due canoe per ridiscendere il fiume. Sbrigate le poche formalità e fissato il luogo dell’appuntamento, dove sarebbero stati recuperati, si avviarono con calma sulle acque limpide. Il paesaggio era stupendo e non invogliava a correre.

Dopo poche ore, quando il Sole d’Agosto iniziava a farsi sentire, si concessero il primo di una lunga serie di bagni della giornata. Nell’occasione studiarono meglio l’itinerario, decisero di fermarsi per il pranzo in qualche insenatura nei pressi dell’abitato di Ganges, situato oltre la metà del percorso, dove il fiume si allarga all’improvviso e il suo letto formato da grandi lastroni di roccia crea delle piscine naturali dove l’acqua si scalda facilmente al Sole.

Quando raggiunsero il luogo prestabilito, ormeggiarono o meglio tirarono in secca le canoe in una piccola insenatura del tutto invisibile dalla strada che correva ad una ventina di metri sopra di loro. L’intimità del luogo e l’amenità del paesaggio li convinsero a provare l’ebbrezza di un bagno completamente nudi. Desideravano sentirsi parte integrante di quella natura così bella.

Si spogliò per prima Cristina e subito si tuffò da un trampolino naturale, Carlo la seguì con un tuffo goffo che generò l’ilarità di lei. Nuotarono e giocarono sino a quando le loro carezze si fecero un po’ troppo particolari. Si avviarono quindi verso la riva dove Carlo bloccò Cristina per i piedi, trattenendola in acqua per metà. Risalì il suo corpo fino alla bocca e la baciò.

Cristina notò la magnifica erezione che le premeva sul ventre e senza tanti complimenti sguisciò via da sotto di lui e corse verso le imbarcazioni. Stese a terra un asciugamano, nel mezzo delle due canoe, e vi si sdraiò sopra ridendo, quando lui la raggiunse gocciolante lei raccolse le gambe e le aprì, oscenamente invitante.

Carlo s’inginocchiò nel mezzo e si lasciò cadere su di lei, abbracciandola come poteva e baciandola teneramente. Cristina era molto contenta di quelle effusioni, sintomo evidente che lui stava iniziando a rilassarsi veramente e a godersi le ferie. Mentre si lasciava accarezzare i fianchi e le natiche muoveva il pube, invitante ed esplicita, così come espliciti erano i suoi baci sulla bocca. Poco alla volta cercava di scivolare più in alto in modo da portare la vagina alla giusta altezza del pene. Lui capì le sue manovre e un po’ per gioco, un po’ per malizia la seguiva vanificando i suoi tentativi.



Non c’è la fai più … vero? – le domandò malizioso.
Dai, non fare lo stronzo … prendimi … ora!
Ho voglia di giocare ancora un po’ con te, solo che se continui a scivolarmi via …. Idea!


Carlo vide la corda che legava la prua delle canoe, in quel momento libera, la prese e, con un movimento secco e violento, costrinse Cristina ad alzare le braccia; quindi le legò insieme i polsi con un nodo tanto stretto da procurarle una fitta di dolore. Per essere sicuro che non potesse muoversi assicurò l’altro capo della corda al tronco di un’acacia lì vicino. Nel compiere questa manovra salì a cavallo del suo busto con il membro eretto dall’eccitazione che stava provando nel legarla. Si chinò in avanti per far girare intorno al tronco la fune avvicinando pericolosamente il pene alla sua bocca. Lei lo ingoiò, dischiudendo le labbra mentre lui spingeva in avanti, lasciandosi penetrare la gola; poi lo succhiò forte leccandolo al contempo.

Carlo non se lo aspettava e d’istinto si ritrasse da lei, poi invaso dalla piacevole sensazione che quella bocca sapeva sempre dargli spinse in avanti. Trovò la cosa tanto piacevole da continuare quel movimento mentre terminava di legarla.

Con la mente offuscata dal piacere scattò all’indietro, portandosi nuovamente in mezzo alle gambe di Cristina, in ginocchio. La osservava come muoveva languidamente il pube o nel modo in cui incavava il ventre mentre spingeva in alto la folta peluria; dal suo sguardo intuiva che era per nulla preoccupata di essere stata privata della libertà. Era decisamente invitante. Troppo invitante, tanto che nella mente di Carlo iniziava a formarsi l’idea che lei si comportasse in quel modo per sfidarlo, per dimostrargli che anche se legata era sempre più forte lei ed era lei a dominare, comunque, il gioco.

Sentì montare il desiderio di farle capire chi era ad avere il comando in quella situazione, che lui era in grado di resistere ai suoi inviti ma soprattutto: che il regista era lui.


Il senso di prevaricazione che provava in quell’istante lo stava eccitando, guardava il membro eretto e lo immaginava strumento di punizione per quella donna che osava sfidarlo con il languore di un corpo praticamente perfetto, almeno ai suoi occhi.

Spostò lo sguardo dal seno all’interno della canoa alla sua destra, dove trovava posto il contenitore stagno dei viveri; lo prese. Al suo interno tra le varie cose c’erano quattro lattine di birra gelate, ne prese una e l’appoggiò con studiata lentezza tra le gambe di Cristina, poi impugnò il coltello a serramanico che lì era riposto e lo appoggiò sul ventre di lei. Cercò tra le sue cose e trovò il cilindro stagno che conteneva il suo orologio e i pochi soldi che si erano portati dietro, lo guardo con un sorriso: aveva le dimensioni giuste, forse un po’ più grande del suo pene ma era perfetto.

Prese il coltello dal ventre e lo sostituì con la lattina gelata. Subito lei contrasse i muscoli a quel contatto lanciando un gridolino di stupore e piacere. Carlo fece rotolare la lattina sul suo corpo salendo verso il seno, la guidò nel risalire la curva della mammella sinistra e indugiò sul capezzolo sempre più turgido.

Cristina aveva gli occhi chiusi, rapita dalle forti sensazioni che stava provando. Una situazione come quella non l’aveva ma i nemmeno sognata: legata ad un tronco, all’aperto con la possibilità di essere spiata da qualcuno, il suo uomo che giocava con i suoi sensi in un modo magistrale. Doveva concentrarsi per non venire subito tanto era forte la sua eccitazione.

Carlo giudicò che la temperatura della lattina era oramai ottimale, lui non amava le bevande troppo fredde, l’aprì spruzzando Cristina e la tracannò in un sorso.

A stomaco vuoto l’alcool entrò subito in circolo. Forse per questo trovò il coraggio di estrarre la lama del coltello, fissarla con l’apposita sicura, e avvicinare il metallo al ventre della sua donna.

Il contatto con quell’oggetto appuntito e freddo procurò dei forti brividi a Cristina che assaporò quelle percezioni sino in fondo, sempre con gli occhi chiusi. Le piaceva quella sensazione di leggero dolore mista ad un vago senso di pericolo. La paura che quella lama la ferisse l’eccitava tanto quanto l’essere nuda e pronta davanti al suo uomo.

Carlo fece scorre la lama molto affilata impugnandola come un rasoio. Si spostò di lato a lei, impugnò il coltello con la sinistra e con l’altra mano le appoggio il contenitore cilindrico alla vagina, con calma lo insinuò tra le labbra puntando il buchino, quando fu sicuro della direzione iniziò a spingerglielo dentro, poco alla volta ma inesorabile nella sua marcia. Quando giudicò di averne infilato una buona misura lo lasciò dove si trovava e tornò ad occuparsi della lama del coltello.

Cristina non aveva più fiato per ansimare, il pezzo duro e indeformabile dentro il suo ventre le limitava notevolmente i movimenti ma le piaceva da impazzire. Il tocco ruvido della lama sulla pelle sensibile del seno le fece contrarre alcuni muscoli del bacino accrescendo in quel modo la sensibilità attorno all’oggetto che la penetrava, rantolò di piacere stimolando la fantasia di Carlo.

Lui aveva una strana sensazione addosso, sentiva di avere già vissuto quella scena ma era sicuro di non aver mai fatto niente del genere. La sensazione durò solo un brevissimo istante, poi sparì com’era venuta.

Strofinò la lama sui capezzoli, leggera mentre una mano scendeva scorrendole il corpo verso il pube. Afferrò il surrogato fallico e iniziò a muoverlo dentro il suo ventre. Manovrava il contenitore e stuzzicava i capezzoli. Continuò in quel modo sino a quando lei urlò di piacere.

Cristina inarcò il corpo e tirò forte le corde che la legavano, contrasse ripetutamente il ventre nel tentativo di incrementare la sensibilità al piacere.

Carlo abbandonò il coltello, estrasse da lei il contenitore cilindrico e in poche abili mosse la penetrò. Si mosse rapido su di lei seguendo il ritmo che gli dettava, continuò a muoversi anche quando Cristina rilassò, esausta, tutti i muscoli.

Ormai era troppo dilatata per riuscire a sentire qualcosa, Carlo uscì da lei e rapidamente avvicinò il pene alla sua bocca. Spinse di reni anche lì e, confortato dalle abili mosse della lingua, iniziò a percepire l’avvicinarsi dell’orgasmo. Le venne dentro la gola, tanto spingeva forte in quel momento.

Cristina riuscì ad ingoiare tutto senza rischiare il soffocamento, mentre lui si ritraeva esausto lei lo seguì con la bocca fin dove le corde lo consentivano.

Lui si alzò in piedi, guardò lei e poi si guardò in giro. Cercava qualcuno. Voleva offrire quella donna, legata in quel modo ad uno sconosciuto che, magari, si ritrovava a passare da quelle parti. Voleva vederla in balia delle fantasie di un altro uomo, sentiva il bisogno di guardarla mentre godeva con il membro di uno sconosciuto, voleva vederla ricoperta del seme di uno, due … non importa quanti uomini mentre legata ed inerme non poteva evitare i loro spruzzi. A quei pensieri sentì il turgore tornare, guardò in basso e vide il suo pene nuovamente pronto. Lo prese in mano e iniziò a menarlo, in piedi sopra di lei. Fissava il ventre di Cristina e lo vedeva gonfio del pene di un altro uomo, lo immaginava entrare e uscire da quella vagina ancora dilatata, vedeva la sua bocca piena dello sperma di uno sconosciuto e venne. Gocciolò il poco seme ancora rimasto dopo il precedente orgasmo sul corpo di Cristina sotto di lui.

Mentre il piacere passava la sua mente tornò lucida. Guardò lei legata e subito non riuscì a capire cosa era successo, poi ricordò.

Rammentò tutto, quello che era successo, quello che aveva sognato e provato.

Si vergognò, si stupì, si sconvolse; poi vide il viso soddisfatto e lo sguardo grato e appagato della sua donna e si sentì un po’ meglio.

La liberò e quindi la coccolò a lungo. Mangiarono e si riposarono. Si era fatto troppo tardi per continuare la discesa del fiume, chiamarono il noleggiatore e presero appuntamento poco oltre per il recupero: nel punto in cui il fiume sfiora la strada per le grotte delle Demoiselles e in cui si scarica il torrente che corre al loro interno.

Si rivestirono velocemente e ripresero a navigare sul fiume in modo da raggiungere al più presto il luogo recentemente concordato. Non avevano mangiato molto, tutto il loro tempo era stato impegnato a giocare con i sensi. Ora non sentivano i morsi della fame ma un languore diffuso misto ad un inappagabile desiderio, tutto quello che desideravano in quel momento era raggiungere la loro camera d’albergo per riprendere i giochi interrotti.

Remarono sino a vedere sulla loro sinistra la confluenza di un piccolo torrente e, subito dopo, un approdo dove già il fuoristrada con il carrello per le canoe al traino gli aspettava. L’avvicinamento non era dei più semplici e Carlo volle tentare per primo, in modo da poter aiutare Cristina in seguito. Mentre lui manovrava per avvicinarsi alla riva, lei puntò la prua della sua canoa verso il piccolo affluente, sentiva un forte richiamo in quella direzione. Forse era la vegetazione stupenda ed incontaminata, forse lo stupendo disegno che formavano le sue acque che rimbalzavano sulle rocce o forse c’era altro d’inspiegabile, ma Cristina iniziò a remare contro corrente risalendo il piccolo torrente. Non era una navigazione facile, specie per una principiante, ed era molto faticosa, ma lei insistette nel risalirlo sin quando il suo sguardo non fu attirato da un leggero luccichio nell’acqua bassa vicino alla riva. Si avvicinò a fatica e notò, nel fondo, una pietra tonda adagiata sul fango portato dalla piena della notte, tentò di prenderla ma era troppo lontana, allora manovrò per avvicinarsi. Nulla da fare, l’acqua era troppo bassa per consentire il galleggiamento della canoa, continua ad urtare i massi sul fondo. Arrivava a pochi centimetri dalla pietra con la pagaia senza mai riuscire a prenderla; con uno sforzo si sbilanciò nella sua direzione riuscendo ad infilarle il remo sotto, proprio mentre stava per sollevarlo un ondata più forte delle altre la ribaltò. Cristina si ritrovò con tutto il corpo sott’acqua e la corrente che la spingeva verso la riva e la pietra. Aprì gli occhi e la vide, senza preoccuparsi della sua situazione si sforzò di raggiungerla con le mani. Appena riuscì a prenderla si rese conto di aver quasi consumato l’ossigeno nei suoi polmoni e di provare l’irresistibile bisogno di respirare. Tentò di spingere la testa fuori dell’acqua ma la canoa la continuava a tenere sotto. Una vaga forma di panico iniziava a diffondersi in lei, non aveva mai avuto paura dell’acqua considerandola un elemento naturale per lei, ma ora tutti i suoi sforzi d’emergere risultavano vani. Gli affanni le stava facendo consumare molto ossigeno e stentava a controllare l’istinto di respirare. La sua mente razionale sapeva che se avesse tentato di respirare in quel momento avrebbe solo immesso acqua nei polmoni. Per fortuna tanti anni di sport acquatici le avevano insegnato a non perdere mai la calma quando si trovava sotto, lentamente riuscì a liberarsi dalla canoa e quindi a riemergere. Appena mise la testa fuori inspirò violentemente più volte, sin quasi a provare dolore per la quantità d’aria immessa nei polmoni. Il suo primo pensiero cosciente fu per la pietra che aveva recuperato con tanto rischio, confortata dal fatto di tenerla ancora in mano cercò la canoa e la vide in balia della corrente. S’issò quindi sulla riva per raggiungere via terra gli altri e confortarli sul suo stato di salute. La fitta vegetazione rallentava, però, la marcia e quando giunse in vista del gruppo trovò Carlo che issava sulla riva la sua canoa vuota. Lo sguardo preoccupato del suo uomo si trasformo in rabbia quando apprese cosa era successo e quali erano stati gli eventi che l’avevano portata a ribaltarsi con la canoa. Nella relativa intimità della loro camera d’albergo, Carlo abbandonò il suo autocontrollo ed iniziò ad inveire contro di lei e contro la sua avventatezza. Cristina lo lasciò sfogare, sapeva che quelle parole di rabbia nascevano dalla preoccupazione per il rischio che aveva corso. Quando le parve che Carlo si fosse calmato tirò fuori il suo bottino.



Guarda che cosa ho trovato sul fondo del fiume. È questo che tentavo di prendere quando mi sono ribaltata … non una pietra qualsiasi. – così dicendo gli porse l’oggetto – Mi pare preziosa! Non capisco di quale materiale sia, ma osserva com’è finemente lavorata!


Carlo prese quella pietra traslucida e se la rigirò tra le mani. Ora che la sua preoccupazione e la conseguente rabbia erano scemate grazie alla scenata si sentiva meglio e dedicò molta attenzione a quell’oggetto.



Mi pare di quarzo! Il materiale non è prezioso. Sì è bello ma è un minerale molto comune, però … hai ragione reca una bellissima incisione. Cos’è quest’oggetto che sta davanti a quella donna?
A me pare un bel … emm… un bel fallo gigantesco! – disse Cristina ridacchiando.
Dai! Sii seria!
Guardalo bene, si notano tutti i dettagli … ma … in effetti tu non sei abituato a vederlo dal mio punto di vista! – Aggiunse lei con una nota di malizia nella voce.
Stai tentando di farti perdonare usando biecamente il tuo corpo?
Tu che ne dici? – Rispose lei alzandosi in piedi per avvicinarsi a lui.


Cristina non diede a Carlo il tempo di aggiungere altro, premette il suo corpo contro il suo ed alzò il viso verso le labbra dischiudendo le proprie. Carlo restò bloccato dalla sensazione di aver già vissuto quella scena poi abbassò le labbra verso quelle della sua donna e la baciò. Lei si avvinghiò al lui con una gamba e lo strinse forte a se, lasciandosi andare nella passione del bacio. Cristina muoveva il corpo invitante premendo il bacino contro la zona genitale di Carlo per stuzzicarlo e per soddisfare almeno in parte il desiderio di sentire qualcosa dentro il ventre. Appagata dal lungo bacio la ragazza si staccò per slacciare l’accappatoio indossato subito dopo la doccia e lo lasciò cadere in terra rimanendo completamente nuda, quindi, dopo averlo fissato negli occhi, s’inginocchiò ai suoi piedi allungando le mani verso la cintura dei pantaloni. Lo spogliò in fretta, anche perché il suo obiettivo era solo quello di raggiungere il membro già eretto. Prese l’organo di Carlo tra le mani e senza attendere il suo invito vi si tuffò contro con la bocca aperta. Ingoiò e succhiò forte procurando in lui una sensazione piacevole e dolorosa al contempo. Carlo non riusciva più a connettere, da una parte il piacere e dall’altra i ricordi del sogno della notte precedente stavano spingendo il suo intelletto in una zona completamente irrazionale, guidata solo ed unicamente dall’istinto. Cristina gli stava procurando le stesse sensazioni della donna del sogno.

Carlo sentiva l’orgasmo avvicinarsi pericolosamente, per quanto piacevole quella situazione non riusciva a soddisfarlo completamente, se abbassava gli occhi su Cristina sentiva nascere il desiderio di entrare nel suo ventre e muoversi in lei sino ad esploderle dentro. Afferro la ragazza per i capelli e la costrinse ad allontanare la bocca dal membro, quindi la invitò ad alzarsi e adagiarsi sul letto. Approfittò del momento per terminare di spogliarsi, si levò gli indumenti con ostentata calma riponendoli in ordine sulla sedia. Questo era un espediente utile a riconquistare un minimo di autocontrollo lasciando scemare la forte eccitazione. Quando si voltò verso il letto ebbe un mancamento; Cristina lo stava aspettando seduta sul bordo del letto, con le gambe appoggiate in terra unite e composte. Attese che lui appoggiasse il suo sguardo su di lei per lasciarsi cadere sdraiata e aprire invitante le gambe. Carlo rivide per un attimo la rossa peluria pubica della donna del sogno, rapito da quell’immagine si avvicinò e iniziò a leccarla come nel sogno. Cristina ebbe un sussulto, contrasse tutti i muscoli mentre una fitta di piacere s’irradiava in tutto il corpo. Muoveva il pube strofinandolo contro la lingua di Carlo per incrementare il piacere e per invitarlo dentro. Lui, oramai non riusciva più a scindere la realtà dal sogno e si comportò esattamente come in quell’avventura onirica. Procurò a Cristina un orgasmo bellissimo ed intenso poi si lasciò andare dentro di lei.

Terminato il rapporto si alzò subito in piedi e non ascoltò le sue tenere richieste dirigendosi verso il bagno. Sentiva la necessità di una doccia, per lavare via la confusione dalla mente. Cristina, intanto si era trascinata verso la testa del letto e, dopo aver assestato i due cuscini, si sistemò comoda per osservare meglio l’oggetto trovato nel fiume. Notò, in quest’occasione un piccolo foro su quello che doveva essere il lato superiore, sino a quel momento le era sfuggito per il poco tempo dedicato alla sua osservazione e a causa della lieve trasparenza della pietra. Subito pensò di farne un ciondolo da portare al collo, iniziò a figurarselo legato in diversi modi ma, alla fine, optò per un semplice legaccio in cuoio.
Si fermarono in quella regione sino al termine delle ferie; l’Aude presentava una varietà di paesaggi incredibile e un’infinità di cittadine storiche di grande interesse. Poi le ferie finirono e, con una nota di malinconia sui loro volti, si avviarono verso l’Italia. Non avevano percorso molti chilometri che Cristina propose di allungare di un giorno le ferie con una sosta in una cittadina lungo il percorso. Senza capirne il motivo si sentiva fortemente attratta dal paese di St. Remy de Provence. Dopo averne vista l’indicazione su di un cartello stradale era nata in lei l’esigenza di soggiornare in quel luogo. Carlo, forse attratto più dal passare un'altra notte di puro sesso con lei che dalla visita di un’altra cittadina del sud della Francia, accetto di buon grado. Mancavano, ormai, solo un paio di chilometri dalla meta quando Cristina indicò una via sterrata al suo uomo.



Prendi quella strada! – disse lei con un tono d’urgenza.
Ma … va nei campi!
No, c’era un cartello che indicava un Hotel.
Qua? Ma costerà una follia!
Prendila ti dico, torna indietro! – insistette lei, poi quando lui ebbe terminato la manovra continuò – Ecco, vedi là su quel cartello … Chateau de Roussan … mi piace!
Io dico che non ci fanno neppure entrare!
Proviamo! – terminò lei ottimisticamente.


In effetti era un bell’albergo in un antico palazzo signorile. Il prezzo di una camera non era poi così spropositato ed il magnifico parco che lo circondava rendeva quell’alloggiamento sicuramente appetibile, anche se solo per una notte. Sistemati i bagagli si avviarono verso il paese di St. Remy lungo una stradina secondaria consigliatagli dal proprietario, il quale aggiunse che era inutile prendere l’auto: il paese si trovava a pochi passi (1 Km circa!) e non era facile posteggiare al suo interno. La giornata era calda e leggermente afosa, il clima tipico di quella regione, ed era piacevole passeggiare all’ombra dei platani secolari che costeggiavano la via. Per tutto il percorso Cristina parlò di vari argomenti ma sempre con velate allusioni alla loro ritrovata passione, eccitando Carlo con il pensiero di ciò che sarebbe seguito alla cena. Giunti in paese lei volle trovare un negozio o una bottega artigiana dove cercare un laccio di cuoio o qualunque altra cosa con cui trasformare quella pietra in un ciondolo. Girarono a lungo per il paese percorrendo ogni singola via del centro storico, Carlo si stava chiedendo cosa avesse di speciale quella cittadina tanto da spingere Cristina a proporre una sosta lì, in fondo avevano visitato paesi e città in cui l’architettura e l’integrità degli edifici storici erano, senz’altro, più affascinanti di ciò che stava vedendo, quando Cristina lanciò un’esclamazione di gioia. Aveva trovato ciò che cercava e, senza dare a Carlo il tempo di raggiungerla, entrò nella bottega di un artigiano. Quando Carlo varcò la soglia la vide mentre mostrava al titolare la pietra trovata in fondo al fiume e tentava di spiegargli nel suo stentato francese cosa aveva in mente. L’uomo ascoltò apparentemente distratto la spiegazione, la sua attenzione era tutta rivolta alla pietra. Prima che Cristina terminasse d’esprimersi, il bottegaio le domandò molto cortesemente se intendeva vendere quella pietra. Cristina rimase di stucco, tutto s’aspettava tranne che una proposta di quel tipo. L’artigiano, allora, offri una cifra che Carlo giudico veramente interessante. Cristina rivolse a lui lo sguardo in cerca d’aiuto, non intendeva bene quella lingua e un numero pronunciato da un francese assume sempre un significato oscuro. L’uomo, intuita la difficoltà tentò d’esprimersi in italiano, segno evidente di quanto fosse interessato all’acquisto, ma dopo una breve trattativa in cui Cristina si vide offrire anche dei gioielli in oro, lei gli spiegò il motivo per cui non intendeva venderlo e raccontò all’uomo il rischio corso per entrare in possesso di quella pietra. Lui ascoltò, questa volta con grande interesse, il suo racconto e alla fine disse di aver capito, quindi armeggiò in un cassetto e ne tirò fuori un cordino di canapa con cui legò la pietra trasformandola in una collana. Notata la faccia delusa di Cristina spiegò che quel tipo di "amuleto", sì usò proprio questo termine, andava legato con quel materiale, quindi lo porse a lei invitandola ad indossarlo subito, le spiegò che doveva stare all’altezza del cuore: né più in alto, né più in basso. Cristina eseguì poi si voltò verso lo specchio ammirandosi, soddisfatta tentò di pagare l’artigiano ma questi non ne volle sapere, disse che un pezzo di corda non lo avrebbe certo mandato in rovina, si preoccupò solo di controllare che il ciondolo fosse alla giusta altezza poi pregò Cristina di non prestarlo o regalarlo mai a nessun’amica, ma di tenerlo sempre con se. Cristina gli ricordò ancora una volta quanto aveva rischiato per prenderlo e quindi lo salutò. Carlo era leggermente scosso ed incuriosito dal comportamento di quell’uomo, soprattutto era sconvolto dalla cifra offerta per quell’insignificante pezzo di quarzo e dal rifiuto di venderlo da parte di Cristina. Lei, invece, continuava a specchiarsi nelle vetrine, felice del suo nuovo ornamento.



Aveva ragione, sai? Intendo quel tipo del negozio … con questo cordino sta proprio bene, meglio del laccio di cuoio che avevo immaginato io! – disse lei radiosa.
Quello che non capisco io è … il motivo per il quale non lo hai venduto? Ma ti rendi conto di quanto ti ha offerto?
Certo che ho capito bene la cifra, ma ho rischiato la vita per prenderlo ed ora me lo tengo, inizio a pensare che mi porti fortuna!
Credo che settantamila franchi portino la stessa fortuna, anzi … molta più fortuna!
Vuoi apparire venale quanto non lo sei, piantala che tanto non ti credo! – sentenziò lei prima di rivolgere il suo sguardo verso un'altra vetrina.


Non ebbero modo di tornare sull’argomento, Cristina non intendeva discuterne ulteriormente e Carlo era sufficientemente saggio da capirlo. Il resto del pomeriggio trascorse tranquillo sino al loro ritorno in albergo. Dopo una doccia veloce decisero di cenare nel ristorante dell’albergo considerata l’ampia scelta di piatti e la possibilità di pasteggiare all’aperto.

Cristina, come sempre era in ritardo. Quando Carlo uscì dalla doccia lei era ancora intenta a cercare nella valigia l’abito da indossare, spostava sbuffando i vari vestiti lamentandosi di aver portato troppa poca roba, di aver lasciato a casa proprio quel completino che le stava benissimo ed era indicato per l'occasione. Carlo le ricordò, con molta diplomazia, l’ora e rimarcò il fatto che lei poteva permettersi anche un paio di jeans talmente era bella e seducente. Nessuno avrebbe notato il suo abbigliamento rapito dalla luce dei suoi occhi. Cristina, che in quelle occasioni si sentiva metaforicamente sollevata per il sedere, pensò di dimostrare al suo uomo che in fondo aveva ragione: scelse nel mucchio una gonna non troppo corta ma aderente ed una maglietta di cotone leggera, l’afa della Provenza in Agosto la rassicurava. Depose il tutto sul letto e rivolse lo sguardo a Carlo per controllarne le reazioni, notò che appariva più scocciato dal ritardo piuttosto che interessato a cosa lei si mettesse addosso. Stizzita dalla sua noncuranza indosso la gonna, quindi le scarpe, poi con una mossa rapida e decisa slacciò il reggiseno lanciandolo sul letto e indossò la maglietta. Sapeva che il tessuto chiaro e leggero avrebbe lasciato chiaramente trasparire il seno nudo, immaginava l’effetto dei capezzoli eretti e d’un tratto li sentì inturgidirsi. Questa volta guardò Carlo con aria di sfida ma fu ripagata dal suo sguardo smarrito. Senza dubbio lui intendeva protestare, non era geloso ma non amava quando lei si metteva troppo in vista.



Andiamo! – disse lei.


Carlo soffocò in gola ogni protesta intimorito dai suoi occhi e dal tono di voce deciso. Riuscì solo a dire:



Sei sicura di non aver freddo più tardi?
Sicurissima, senti che temperatura c’è ora. Anzi .. ti dirò che tempo di aver troppo caldo così!


Non terminò neppure la frase che le sue mani erano scivolate sotto la gonna, con poche abili mosse riemersero stringendo gli striminziti slip che indossava, lanciò pure loro sul letto e senza più aggiungere altro uscì dalla porta.

Per tutta la cena Carlo fu intento ad ammirare il seno di Cristina che si muoveva sensuale al ritmo del suo respiro sotto quella maglia che nascondeva ben poco della sua perfezione, alternativamente scrutava in direzione dei diversi tavoli per capire se la sua donna era meta delle occhiate spudorate degli altri clienti. Inizialmente si sentì notevolmente infastidito quando il cameriere indugiò un po’ troppo nel consigliare a Cristina quali piatti scegliere, dalla posizione che aveva assunto aveva un ampia visuale del seno, poi iniziò a provare un senso di eccitazione al pensiero di quanto fosse desiderabile la donna che aveva davanti, la sua donna. Iniziò inconsapevolmente a sperare che i capezzoli spingessero sul tessuto per evidenziare ulteriormente la sua nudità, quindi cercò di eccitarla parlandole suadente e ricordandole cosa era successo in riva al fiume. L’effetto fu quello sperato, Cristina iniziò ad eccitarsi in un modo quasi incontenibile; vedeva il seno gonfiarsi ed i capezzoli premere con forza sulla stoffa della maglia, sentiva le gambe incedere verso le sue aperte. Lei era senza biancheria, solo in quel momento comprese che con le gambe divaricate dava ampio respiro alla vagina e la esponeva in pubblico. Carlo arrossì per lei e Cristina intese quel suo colore come sintomo d’eccitazione quindi scivolo un po’ di più sulla sedia per raggiungerlo con i piedi sotto il tavolo. Continuarono a giocare per tutta la cena, si eccitarono a vicenda, si stuzzicarono al limite della sopportazione e si rimpinzarono di cibo e vino per sublimare quel desiderio.

Un po’ troppo cibo ma soprattutto troppo vino.

Risalirono in camera animati dalle migliori intenzioni ma quando lei uscì dal bagno trovò Carlo già profondamente addormentato, si sistemò al suo fianco con l’intenzione di svegliarlo per ricordargli i progetti fatti per tutta la sera, si concesse solo qualche minuto per riprendere il pieno controllo del suo corpo ma presto cadde addormentata pure lei. Un sonno profondo che durò per tutta la notte.

Solo verso l’alba Carlo fu destato da una serie di leggere e ritmiche vibrazioni del materasso, ancora obnubilato dalla semi incoscienza del risveglio non riuscì a capirne la causa. Quelle oscillazioni lo disturbavano da un lato spingendolo al completo risveglio mentre lo cullavano invitandolo a chiudere gli occhi per concedersi ancora qualche ora di sonno. Fu la curiosità a vincere.

Spostò lo sguardo verso la sua donna, immaginando di trovarla sveglia e impegnata in qualche oscuro esercizio ginnico atto a tonificare qualche parte del suo corpo, non era la prima volta che veniva risvegliato dalle sue flessioni o torsioni fatte nel letto. Questa volta, però, Cristina pareva addormentata. Coricata su di un fianco gli volgeva le terga, come sempre, ed aveva la testa spinta sul cuscino in direzione della spalliera del letto e reclinata verso la schiena, come se fosse concentrata in un grande sforzo. I movimenti del lenzuolo attirarono la sua attenzione, con molta cautela la scoprì del tutto mettendo a nudo la schiena ed i glutei. Notò allora che il suo braccio, appoggiato sul fianco, si muoveva lento e sensuale mentre il sedere oscillava avanti e indietro ancora più lento.


Carlo si sollevò quel tanto che bastava per spingere il suo sguardo oltre il fianco di lei e finalmente vide la sua mano che massaggiava, o meglio accarezzava, il ventre con movimenti circolari. Ogni tanto la mano premeva sulla pelle in concomitanza di una forte contrazione dei muscoli addominali. Tutto l’insieme: la mano, le contrazioni, i movimenti alternati dei glutei, fecero insorgere in Carlo il sospetto che Cristina di stesse masturbando. Resto sconvolto da questa scoperta, più l’osservava più si convinceva di aver ragione. In tutti gli anni passati insieme lei non aveva mai cercato il piacere da sola mentre era in sua compagnia. Sapeva come metteva in pratica l’autoerotismo poiché lei gli aveva descritto nei dettagli come amava masturbarsi, ma non l’aveva mai vista in azione. Subito provò un forte senso di colpa, lei lo aveva eccitato per tutta la sera senza ottenere nulla di concreto, lui era crollato subito addormentato dopo cena. Ora lei stava cercando da sola il piacere che le aveva negato. Un ulteriore e più approfondita analisi della situazione rassicurò Carlo: Cristina stava dormendo. Era chiaramente in preda ad un sogno, un magnifico sogno a giudicare dall’espressione del viso!

Improvvisamente Carlo ricordò il suo sogno di poche notti prima, della incredibile realtà dei particolari e della vivacità dei ricordi al risveglio; era tentato di svegliare la sua donna, d’interrompere la sua azione autoerotica per farla godere con una penetrazione vera e non solo onirica. Ma lo spettacolo di quel corpo che iniziava a fremere di piacere era più forte del desiderio da esso generato. Restò a guardarla sistemandosi in modo da avere la più ampia visione possibile, in maniera di poter spingere lo sguardo in ogni anfratto tra le cosce, tra i seni e soprattutto sul ventre. Amava in modo particolare osservare il suo ventre mentre si contraeva nella ricerca del piacere, cercava sempre più spesso forme di accoppiamento che gli concedessero la piena visione del pube e del ventre quando la penetrava.

Cristina spinse il capo completamente verso la schiena e gemette nel sonno, i glutei testimoniavano un ritmo forsennato delle contrazioni mentre la mano premeva con forza sul ventre. Lei stava godendo di un orgasmo lunghissimo ed intenso, lo si poteva desumere dall’espressione concentrata del viso.

Carlo era completamente rapito da quello spettacolo, non l’aveva mai vista godere con la sua mente fredda e non coinvolta materialmente in quel piacere. La sua posizione di semplice osservatore gli consentiva, finalmente, di osservare tutta una serie di particolari che gli erano sempre sfuggiti proprio a causa del suo diretto coinvolgimento. Quando anche lui cercava il piacere insieme a lei non poteva notare come contraesse i glutei nel culmine dell’orgasmo per poi rilassarli lentamente mentre andava scemando; oppure come le labbra si assottigliassero mentre godeva, erano turgide e gonfie durante l’amplesso ma si irrigidivano durante l’apice, il ventre s’incavava e poi si gonfiava leggermente verso il pube a seconda di quali muscoli erano coinvolti dalle involontarie contrazioni. La cosa più eccitante era il profumo che emanato dalla sua pelle; non sapeva di sesso come durante l’amplesso ma di un "non so che" di molto più dolce e sensuale. Poi Carlo si perse in quello spettacolo e non riuscì più a memorizzarne tutti i dettagli, solo una cosa rimase impressa indelebilmente nella sua mente: quanto era bella Cristina quando godeva. Sarà stato il corpo che, teso nel piacere, disegnava delle curve perfette, sarà stato il seno gonfio e turgido, i sensuali movimenti del ventre, l’espressione del viso … Carlo non riusciva a deciderlo ma lei era bellissima in quel momento. Provò una forte delusione quando Cristina iniziò a rilassarsi, cadendo in un sonno più profondo, poiché lo spettacolo era finito troppo in fretta. Restò ad osservarla a lungo, scrutando il suo corpo alla ricerca dei segni del piacere di poco prima; non riusciva a credere che nulla di quell’esplosione di sensualità fosse rimasto su di lei dopo soli pochi minuti. Il corpo di Cristina rimaneva sempre una stupenda opera d’arte, adagiato in quella posizione esaltava le sue curve naturali grazie anche alla luce del mattino che filtrava dalla finestra, ma non trasmetteva nulla di più che un semplice piacere per gli occhi. Poco prima, mentre godeva, emanava un’aura di sensualità che risvegliava le più recondite ed inconfessabili fantasie; i sinuosi movimenti catturati dalla vista si trasformavano nella mente di Carlo in onde d’eccitazione, gli pareva quasi di sentire il piacere scorrere nel suo corpo. Quando lei raggiunse l’apice e si contrasse spasmodicamente Carlo temette, o meglio sarebbe dire sperò, di venire insieme a lei. Aveva ben presente l’effetto che quelle contrazioni, quegli spasmi, avevano sulle sue mani strette sui glutei o sulla schiena di quando facevano l’amore, ma vederli da una prospettiva esterna assumevano un valore assoluto e trasmettevano una carica erotica mai sentita prima.

Ormai impossibilitato a prendere nuovamente sonno, Carlo resto seduto sul letto impegnato a progettare delle situazioni in cui avrebbe potuto nuovamente assistere ad uno spettacolo di quel tipo. Senza dubbio avrebbe potuto chiedere a Cristina di masturbarsi davanti a lui dopo averle raccontato di quella mattina, lei lo avrebbe senz’altro soddisfatto. Soprattutto ora che pareva essersi risvegliata sessualmente parlando. Però una scena autoerotica su richiesta avrebbe avuto lo stesso valore?

Carlo non lo sapeva e non aveva dati sufficienti su cui basare una qualsiasi proiezione, stava sperimentando insieme alla sua donna una nuova forma di vita sessuale. Il recente amplesso sulla riva del fiume, i giochi eccitanti della sera precedente o più semplicemente la passione con cui lei faceva l’amore in quei giorni, gli stavano dimostrando la trasformazione di Cristina nella donna da sempre sognata. Sentiva, in quel momento, di non poter più fare a meno della sua sensualità, della dolce e costante, crescente ed esplosiva eccitazione che sapeva dargli. Non sapeva se questo era amore o un semplice desiderio carnale unito ad una buona dose di affetto, ma avvertiva il bisogno fisico di percepirla nel corpo e nell’anima, di essere con lei una cosa sola per poterla avere completamente. Questo sentimento lo turbava profondamente, non aveva mai sentito lo stimolo di possedere una donna; possedere non carnalmente, è chiaro, ma di avvertirla sua, completamente sua… non unicamente sua però!

Carlo era confuso da una miriade di sentimenti e pensieri in contrasto tra di loro e, peggio ancora, in netto contrasto con tutto ciò che aveva provato sino a quel giorno. Improvvisamente la sagoma del corpo di Cristina perse di definizione diventando una sagoma indistinta tra le lenzuola mentre lui era perso nei suoi pensieri. Ai limiti della coscienza percepì, ma non comprese razionalmente, delle lievi variazioni in quella figura: i capelli apparirono una massa di colore rossastro ed il corpo, soprattutto le gambe, parvero allungarsi mentre la vita si stringeva. Come Carlo tentava di mettere a fuoco quella figura essa prontamente si trasformava in quella della sua donna che dormiva tranquilla e lui ripiombava nei suoi pensieri. Giunse al punto di non considerare più quelle visioni distorte della realtà e si chiuse sempre di più nel suo mondo tanto da non accorgersi della mano di Cristina che scivolava lenta sul suo petto accarezzandolo.

Lei si era svegliata con un piacevolissimo languore, caldo e sensuale, distribuito per tutto il corpo; volto lo sguardo al suo uomo lo vide seduto contro la spalliera del letto e apparentemente impegnato a meditare. Provò subito il fortissimo impulso di accarezzarlo ma lui non pareva accorgersi di quelle attenzioni, allora face scivolare la mano verso la zona dove era certa di ottenere una sua pronta reazione.

Carlo percepì uno strano calore scendere dal petto verso i genitali localizzato in un area dell’approssimativa dimensione di una mano. Sorrise all’idea di come fosse facile somatizzare i pensieri erotici che stava inseguendo e chiuse gli occhi godendosi quello che riteneva il frutto della sua immaginazione. Quando, però, sentì un qualcosa di caldo e umido circondare morbidamente il glande strabuzzò gli occhi stupito, guardò verso il basso; faticò nel comprendere cosa stesse accadendo, vedeva una chiazza di capelli di colore indefinito sopra il suo bacino. Lo stimolo che riceveva era talmente intenso da costringerlo a chiudere gli occhi, lentamente si rilassò godendosi quel piacere inaspettato. Nella sua mente ciò che aveva visto poco prima andava confondendosi ancora di più, quei capelli iniziavano ad apparirgli rossi e lunghissimi, non si chiese come fosse possibile ma era sicuro che quella era la donna del suo sogno. Evidentemente stava dormendo e quella visione era tornata da lui. Ricordò cosa era seguito al sogno precedente, ai due magnifici rapporti che aveva avuto con Cristina e sperò che questo fosse premonitore di altri piacevolissimi e trasgressivi amplessi.

Fu solo quando percepì il corpo della donna salirgli a cavallo delle gambe e adagiarsi su di lui che comprese la realtà: il rigoglioso seno di Cristina premeva sul suo petto e riconosceva i movimenti delle sua anche mentre si preparava a farsi penetrare. Aprì gli occhi e si ritrovò davanti quelli della sua donna che sorridevano umidi dall’eccitazione. Un bacio sulle labbra, una lingua che ne seguiva il contorno, lo fecero scivolare nuovamente nell’incoscienza sopraffatto dai sensi. Riuscì solo a capire che lei, chiunque fosse, si era guidata il membro nel ventre ed ora scendeva lenta per accoglierlo tutto. Quella donna era calda, molto calda, e la sua vulva era talmente dilatata dall’eccitazione che faticava a percepirne l’interno. Lei iniziò a muoversi subito decisa giocando con le anche ed il bacino per non sollevarsi da lui, una danza complessa con il ritmo scandito dai suoi gemiti.

Carlo si stava godendo nei minimi dettagli le sensazioni che nascevano dal basso, le sentiva generarsi dal morbido contatto della pelle sensibile del glande con le pareti interne della vagina, dalle contrazioni di essa, dal lento scivolare dentro e fuori; le avvertiva salire verso il cervello e qui attivare reazioni che poi tornavo, per istinto, a comandare i muscoli in basso. Seguiva questo percorso sempre con gli occhi chiusi, quando tentava di aprirli per unire l’eccitante visione del corpo della donna alle sensazioni fisiche scopriva di faticare non poco a mettere a fuoco qualsiasi immagine, quindi rinunciò all’impresa imputando al precoce risveglio questa difficoltà. Solo quando la sentì intensificare le sue mosse pur rallentando il ritmo e capì che era ormai prossima all’orgasmo, tentò con tutte le sue forze di mettere a fuoco il viso della donna. Aprì gli occhi puntandoli verso la massa indistinta di capelli ed al fulcro roseo che appariva nel loro centro. La realtà si rivelò poco alla volta passando prima per una fase in cui lui fu sicuro di riconoscere i lineamenti della donna del suo sogno, poi proprio nell’istante in cui lei inarcò la schiena rilasciando un suono liberatorio la riconobbe. Carlo vide all’improvviso il viso di Cristina godere di un orgasmo molto intenso, con un espressione del tutto simile a quella che aveva durante la notte e che tanto gli era rimasta impressa nella mente. Si eccitò ulteriormente a quella vista, tanto da non riuscire a contenere l’esplosione di un orgasmo. Venne insieme a lei e dentro di lei unendo i suoi ansimi ai gemiti. Cristina scese su di lui accogliendolo sino in fondo e resto in quella posizione a godersi le sue pulsioni sino al loro termine, poi si lasciò cadere sul suo petto senza però lasciarlo uscire. Carlo la abbracciò e la strinse forte a se mentre si abbandonava al languore, chissà perché continuava a tornargli in mente l’immagine del viso di quella donna del sogno?

Non se ne preoccupò più di tanto, presto la parte razionale del suo cervello prese il sopravvento ricordandogli che dovevano prepararsi per la partenza, quel giorno terminavano le loro ferie e dovevano per forza rientrare. Nonostante tutto si sentiva bene, era sicuro che Cristina si sarebbe rivelata una continua fonte di sorprese in futuro, non gli restava che aspettare e cogliere le occasioni. Ricordava bene tutte le sensazioni ed i pensieri di quella notte e mentre realizzava questo capì di non aver mai sognato poiché non dormiva affatto, si ripromise di trovare il tempo per meditare con la dovuta calma su questi fatti. Non se ne preoccupava, i diversi impegni di lavoro ed i diversi orari consentivano a tutti e due di ricavarsi momenti di assoluta solitudine e calma nell’arco della settimana. Una cosa le premeva di più adesso: scoprire cosa avrebbe inventato la sua donna nel suo nuovo modo di vivere il sesso.
Cristina non si separava mai dal suo ciondolo trovato nel greto di quel torrente in Francia e recuperato in modo avventuroso, nonché del tutto incosciente. Era arrivata al punto di non indossare più quei capi o quei gioielli che stonavano con lui pur di averlo sempre con se. Questo stupiva non poco Carlo che conosceva bene la passione della sua donna per le collane in genere e la sua fantasia nell’abbinare sempre vestiti diversi. Vederla rinunciare a quel girocollo che acquistato grazie a ad un lavoro che l’era costato molte ore d’impegno, infiniti mal di testa e preoccupazioni lo stupiva ancora di più, lei aveva sempre inteso quell’oggetto come simbolo della sua determinazione e di conquistata indipendenza economica. Eppure, ora rimaneva chiuso nella cassetta in banca senza alcun rimpianto da parte sua. All’inizio ritenne questo suo nuovo amore per quel ciondolo come una passione passeggera, forse legata al ricordo del viaggio in cui lo aveva trovato, ma dopo quasi un anno iniziava a pensare che ci fosse altro sotto. Lei non era mai stata così legata ad un oggetto, questa sua mania rasentava il feticismo. Spesso lo teneva indosso quando facevano l’amore e in quelle occasioni lei era magnifica, Carlo non capiva se indossando quel ciondolo si sentiva più spregiudicata, passionale, sicura di se e delle sue doti o se lo indossasse solo quando provava un desiderio fuori della norma. Sta di fatto che quando la vedeva arrivare a letto con quell’oggetto indosso sapeva che avrebbe avuto tra le mani una donna calda come non mai e piena d’iniziativa, una fonte di continue e piacevolissime sorprese.

Cristina era cambiata da quelle ferie in Francia, profondamente cambiata! La ragazza dolce ma decisa nelle sue scelte nonostante una sempre presente dose di tenera insicurezza, si era trasformata in una donna sensuale e disinvolta, dotata di un’intraprendenza preoccupante. Gli occhi che l’avevano fatto innamorare di lei per la loro patina di timidezza ora rilucevano audaci al limite dell’insolenza. Se prima, quando si sedeva o si sdraiava sul divano lo faceva con grazia comunicando calore umano e raffinatezza, ora le stesse mosse per assumere le stesse posizioni erano un aperto richiamo sessuale. Anche il suo modo di vestire si era evoluto, gli identici capi di prima ora erano indossati sempre con qualche bottone in più slacciato e le gonne sembravano più corte di una volta. L’intimo era stato relegato in un cassetto per far posto ai nuovi completini che aveva comprato, inutile dire che si trattava di capi molto sexy.

Carlo notava questo cambiamento avvenuto in maniera repentina e si ripeteva che in fondo quella che aveva davanti era la donna da sempre sognata. Cristina gli era piaciuta per un’infinità di doti poi le affinità elettive avevano fatto il resto, l’unica cosa che poteva imputarle era stata la sua scarsa propensione alla seduzione nonostante la natura l’avesse dotata di tutti gli strumenti adatti. In fondo lui aveva conosciuto una ragazza che ora si stava trasformando in donna, quindi i cambiamenti erano del tutto naturali, ma gli mancava quell’aura d’innocenza che aveva prima. Di certo, pensava Carlo, non era merito o causa del ciondolo questo cambiamento anche se era propenso a pensarlo. Sicuramente quelle ferie avevano spinto la sua donna superare gli ultimi tabù sul sesso; i loro amplessi all’aperto, i loro giochi al ristorante, la libertà sessuale conquistata nell’attimo in cui si era masturbata a letto con lui, senza dubbio erano alla base della sua trasformazione.

Quanto era profonda questa trasformazione?

Questo era il dubbio di Carlo.

Doveva assolutamente tenere il suo passo se non voleva perderla. All’inizio della loro relazione aveva ben chiaro di intraprendere il cammino con una ragazza che presto sarebbe divenuta donna. Un cambiamento inevitabile che l’avrebbe portata a sentire il bisogno di cose diverse da quelle che aveva trovato in lui quando si era innamorata. Conscio di questo Carlo aspettava quel momento con un misto d’eccitazione e paura al contempo. Si domandava se sarebbe stato in grado di diventare l’uomo che lei avrebbe desiderato.

La coppia non deve fondarsi sulla monotonia, fonte di falsa stabilità, ma deve continuamente evolversi insieme. Questo lo aveva ben chiaro nella mente ma temeva l’evoluzione su vie diverse, se lei si fosse allontanata l’avrebbe persa e questa consapevolezza lo faceva sentire male nonostante il fatto che, attualmente, il loro rapporto attraversasse un periodo particolarmente felice.

Doveva iniziare a capirla ed entrare nella sua mente piuttosto che seguire l’impulso di entrare solo nel suo corpo, cosa in cui si era molto impegnato nell’ultimo anno. Considerata la sua naturale propensione ad analizzare per primo l’aspetto fisico del problema pensò d’iniziare a comprendere meglio la sua donna con lo studio approfondito della sua rinnovata sessualità. Sino a quel momento si erano limitati a migliorare la qualità dei loro amplessi, e questo era stato possibile soprattutto grazie alla carica erotica emanata da Cristina, forse era giunto il momento di sperimentare altre forme di ricerca del piacere. Quali però?

Questo doveva scoprirlo da solo, non poteva coinvolgerla nella ricerca, spettava a lui proporle nuovi giochi, nuovi amplessi, nuove perversioni in modo da divenire l’unica sua guida al piacere. Se fosse riuscito nell’intento l’avrebbe legata a se con il doppio nodo dell’amore e della dipendenza sessuale; nel caso contrario, in cui fosse stata lei a proporre nuove esperienze, avrebbe rischiato di perderla in quanto nulla le avrebbe impedito di continuare la ricerca da sola in caso di delusione. Se una delusione sarebbe nata dalla sue proposte, invece, poteva sempre imputare a il fallimento all’audacia dell’idea… in fondo lui aveva attivato la fantasia, creato occasioni e opportunità, se non funzionava la colpa non era sua. Carlo non si rendeva conto che questa linea di pensiero sottolineava in modo inequivocabile la sua debolezza poiché cercava in anticipo le scuse per un fallimento nemmeno in programma.



La fantasia non gli era mai mancata. Sino a quel giorno semmai l’aveva limitata temendo di chiedere troppo alla sua compagna, ma visti gli ultimi sviluppi pensò di testare le reazioni di Cristina messa in condizione di provare nuovi stimoli. Per realizzare tutto questo, però, aveva bisogno d’aiuto, era abbastanza umile da riconoscerlo.

Una sera come tante altre si ritrovò a tarda ora ancora seduto sul divano intento a guardare distrattamente la televisione, gli occhi registravano la sequenza d’immagini di un film degli anni cinquanta diffuso da una rete regionale ma la mente era impegnata a sviluppare le sue fantasie erotiche su Cristina. Lei era già a letto, l’indomani doveva prendere il treno all’alba, ma prima di lasciarlo solo in sala lo aveva gratificato con una lunga serie di sensualissime moine, poi se n’era andata sculettando felice proprio nel momento in cui lui iniziava a sentire una prepotente erezione premere sui jeans. Carlo se ne fece una ragione ma il comportamento di Cristina aveva dato il via ad una serie di pensieri culminati nell’analisi dettagliata delle situazioni erotiche in cui intendeva coinvolgerla. La pubblicità entrò prepotente nella stanza, distogliendolo da quelle meditazioni, grazie alla variazione del volume. Carlo imprecò mentalmente contro il tecnico ed il suo concetto di miscelazione delle tracce audio poi fu attratto dalle immagini pubblicitarie di una catena di sexy-shop. Non si stupì più di tanto vista l’ora ma gli scaffali di quel negozio iniziarono a risvegliare il suo interesse.

"Ecco dove trovare ciò di cui ho bisogno!" si disse mentre prendeva nota della rivendita nella sua città.

Il giorno seguente, approfittando dell’assenza della sua donna, entrò deciso in quel negozio ma appena varcata la soglia perse tutta la sua risolutezza. il primo impatto visivo fu quello di una enorme poltrona di forma decisamente fallica e pure del colore adatto. Carlo tentennò di fronte a quell’oggetto, tanto da far supporre un suo interesse alla commessa.



Le piace? È una poltrona particolare ma molto comoda… la provi! – disse lei con un tono gentile e professionale.
Dovrei sedermi proprio sui… così tutti potrebbero dirmi che sto sulle…! – rispose.


Mentre cercava le parole per spiegare alla ragazza cosa stava cercando si distrasse ad ammirarla. Era molto carina e succintamente vestita con uno dei capi presenti in vetrina.



Lo so che non è facile ambientare, ma se lei ama stupire gli amici… con questa poltrona vedrà che parleranno di lei a lungo… abbiamo anche altri colori, se lo desidera ho il catalogo! – continuò lei senza badare al suo diniego, evidentemente aveva istruzioni di spingere quel prodotto. Mentre parlava con noncuranza si accomodò sul fallo, ovvero sulla poltrona, accavallando le gambe maliziosa.


"Ecco, siamo a posto!", pensò Carlo poi disse:



No! È senza dubbio un oggetto molto interessante ma… vede… sono qui per cercare qualche piccolo oggetto… per… per… la mia ragazza! Insomma, vorrei vedere cosa avete per… - Carlo era notevolmente imbarazzato, tanto da non riuscire a terminare la frase. Per fortuna la commessa era avvezza a quelle situazioni e venne in suo aiuto.
Capisco! – disse – Pensa ad un regalo per lei come ad esempio dell’intimo molto sexy o delle vestaglie, dei bustini, scarpe… o preferisce degli oggetti che lei può usare da sola o in compagnia? – domandò lei
Oggetti? Sì vediamo gli oggetti!
Bene mi segua! – disse mente si alzava con grazia da quella poltrona assolutamente sgraziata – Solo per sapere come indirizzarla, la sua ragazza ama i rapporti classici o la sua fantasia spazia anche nella dominazione, ad esempio?
Direi che sono qui per scoprirlo! – rispose Carlo messo a suo agio dalla franchezza della commessa e dall’assoluta indifferenza con cui trattava l’argomento.
Ah! Bene! Mi fa piacere conoscere un uomo che si preoccupa così tanto del piacere della sua donna. Ok, vedrò di presentarle una serie d’articoli polivalenti in modo che lei possa studiare le sue reazioni ed utilizzarli nel modo più appropriato. Se poi vorrà qualcosa di più specifico farà sempre in tempo a tornare!
Ottimo!
Sa, prima di entrare temevo di non riuscire a superare l’imbarazzo… ma lei è così gentile che…!

Lavorando qui dentro da ormai più di due anni, ho imparato che non esistono perversioni o deviazioni sessuali in senso assoluto, ogni perversione non è più tale nel momento in cui è accettata, direi meglio desiderata, da tutti e due. Nel sesso l’unico limite è la nostra fantasia e qui trattiamo tutto il necessario per realizzarle! – lo rassicurò.
In effetti, temevo d’essere giudicato un perverso o peggio …!
Se qui giudicassimo i clienti avremmo finito di lavorare e potremmo chiudere il giorno stesso!
Ma eccoci arrivati di fronte ad una serie d’oggetti che non possono mancare in una coppia: i falli sintetici!

Vedo che ne avete un’ampia collezione!
Sì, c’è n’è per tutti i gusti! Questo, ad esempio è il più venduto, vede come appare estremamente reale nella forma e nelle dimensioni? – Mentre descriveva l’articolo la ragazza lo maneggiava in un modo conturbante, le sue mani scivolavano sulla superficie morbide e sensuali come se si trattasse di un vero fallo di carne.
Vedo! – disse lui deglutendo
Possiamo aumentare le dimensioni o diminuirle, scegliere un altro materiale… ad esempio sono molto belli quelli in vetro o materiale trasparente… certi sono studiati per vedere attraverso e possono essere illuminati, hanno una piccola lucina sulla punta! Ha mai visto una vagina dilatata mentre viene penetrata?
No! No! Penso… sia uno spettacolo unico!
Lo è, mi creda! Almeno lo dice il mio ragazzo! – affermò lei con un’aria d’intesa.
Ci credo! Ma, mi dica.. quelli più piccoli…?
Ah! Questi? – disse prendendone uno dallo scaffale – sono per voi maschietti!
Noi?
Sì, sono uno stimolo particolare se vengono usati in contemporanea ad una fellatio. La sua donna la penetra dietro mentre la stimola con la bocca… ad alcuni uomini piace moltissimo!
Non lo metto in dubbio ma rimarrei sul convenzionale!
Questo è convenzionale per alcuni, ricordi!
Ha ragione! Ma… ora veniamo a noi… quale di questi mi consiglia per rendere felice la mia donna?


... fine parte prima.

Printer Friendly Page Send this Story to a Friend Create a PDF from the article


Bookmark this article at these sites

                   



Powered by XOOPS @ 2001-2011 The XOOPS Project - Tutti i racconti sono proprietà dell'autore
Design by Rupescissa Xoopsed by Xo-Aminoss