header photo

rupescissa.com

racconti erotici di Rupescissa

racconti erotici : Slegami
Posted by Rupescissa on 2011/1/20 12:58:14 (6181 reads)

Lei è venuta prima di me, non me lo aspettavo. Solitamente le piace giocare, anche quando è molto eccitata trattiene l’orgasmo pur di sentire il più a lungo possibile un membro dentro il suo ventre.

Click to see original Image in a new window- Slegami!


Il mio sorriso malizioso lascia intuire che non ho alcun’intenzione di ascoltare la sua preghiera. Mi allontano da lei qualche passo e resto a guardarla.



- Dai! Slegami!


Lascio i miei occhi correre sul suo bel corpo disteso sul letto e legato, mani e piedi, in modo da formare una croce di S. Andrea.



- Ti prego! Iniziano a dolermi i polsi ed è tardi!


Fisso le gocce biancastre del mio seme che lente colano dalla vagina, più lei si agita tirando sulle corde e contraendo gli addominali più ne escono.

Stanno macchiando il lenzuolo.



- Slegami!
Ma che intenzioni hai?


Guardo la sua pelle che aderisce perfettamente ai muscoli tesi, le sue curve che si accentuano quando si dimena, i capelli sparsi in parte sul cuscino ed in parte sul viso. Mi piace osservarla!

Sento il membro tornare in vita al pensiero di come ci siamo accoppiati pochi minuti fa ed al ricordo di come questo gioco è iniziato. Si è lasciata legare mentre mi guardava negli occhi con aria di sfida, pareva che dicesse: "Legami. Legami pure, tanto sai già che non sarai in grado di resistermi!"

Aveva ragione!

In quella posizione era così invitante che sono entrato in lei ed ho iniziato a muovermi senza badare ad altro che alle mie sensazioni. Per una volta ho posto il mio piacere innanzi al suo, è stata un’esperienza unica, incrementata ed avvalorata dalle corde che la legavano.

In quel momento ai miei occhi ha cessato d’essere la mia compagna ed è divenuta oggetto di puro piacere, un corpo entro il quale sfogare i miei istinti di maschio. Ho penetrato un corpo caldo e umido, mi sono mosso dentro di esso e sono venuto il tutto in pochi istanti tanto ero eccitato.

Quello che mi ha sconvolto è stato il suo orgasmo!

Lei è venuta prima di me, non me lo aspettavo. Solitamente le piace giocare, anche quando è molto eccitata trattiene l’orgasmo pur di sentire il più a lungo possibile un membro dentro il suo ventre. Questa volta si è lasciata andare esattamente come ho fatto io, pur legata ha invertito i ruoli facendo di me l’oggetto del suo piacere, si è data all’amplesso badando unicamente al suo piacere ed ha raggiunto lo scopo prima di me. Incredibile questa nostra intesa.

Non avevamo combinato niente, nessun progetto, alcun accordo; le corde sono uscite per caso durante i preliminari, i miei pensieri e la mia eccitazione è nata mentre la legavo. Ho deciso di usarla in quel momento, lo stesso in cui le ha deciso di usare me.

La guardo ora e penso che è una donna fantastica.



- Uffa! Slegami dai!!!



La sua pelle inizia a dare segni del freddo che prova: leggeri brividi la percorrono ed i capezzoli tornano ad inturgidirsi dopo il languido rilassamento del dopo orgasmo. Sorrido ancora, so quanto ama il caldo dopo il piacere. Provo un senso di vaga eccitazione nel torturarla così.

Devo vincere la tentazione di avvicinarmi a lei per sfiorarla con le mie mani, il suo corpo mi attrae troppo.



- Un bel gioco dura poco!
Slegami che stanno per arrivare Sonia e Marco… devo prepararmi.

- Perché?
Ma lo fai apposta?
Te l’ho detto, devo prepararmi!

- Io ti vedo già pronta!


I suoi occhi s’illuminano di comprensione, finalmente ha capito l’estensione del mio gioco.



- Sei un …



La frase le viene stroncata in gola dal campanello. La lascio sul letto e vado ad aprire.

I soliti saluti, abbracci e baci; sulle labbra nel caso di Sonia.



- Dov’è? – chiedono quasi all’unisono.

- Di la! – dico indicando la camera.


Sonia mi guarda, dai miei occhi ha già capito. Li accompagno in camera e lascio loro il tempo di comprendere.



- Nessun preliminare questa sera? – domanda Sonia con un tono che è più di affermazione.

- Direi di no! – affermo laconico

- Che progetti avete? – domanda Marco d’indole pratica

- Falle cosa vuoi, io e la tua donna andiamo di la!


Claudia mi guarda dal letto, nei suoi occhi vedo un profondo sentimento di gratitudine per la situazione che ho creato ed una crescente eccitazione, poi sposta lo sguardo su Marco e si concentra su di lui. Sonia ed io lasciamo la camera, abbiamo molte cose da dirci e da fare.

Sonia ama lasciarsi eccitare con calma, siamo ancora sul divano quando sentiamo un soffocato gemito di piacere emesso da Claudia, ci guardiamo negli occhi poi Sonia si alza ed inizia spogliarsi.

Il nostro amplesso è quasi regolato dai suoni che provengono dalla camera, rumori e gemiti che c’eccitano unendosi ai nostri.

A fine serata accompagno gli amici alla porta, non ho ancora visto Claudia e non ho idea di dove sia. Saluto i nostri complici erotici poi torno in camera, lei è ancora legata al letto.
I nodi sono lenti e non sono i miei, si è rifatta legare. Ha le gambe raccolte e divaricate, come se stesse aspettando di essere presa, il capo è reclinato sul cuscino e gli occhi sono socchiusi e fissa il vuoto mentre respira lentamente. Dalle labbra della vagina fradice cola un rivolo di seme oramai trasparente.
Fisso il suo ventre piatto e abbronzato che si solleva a tempo con il respiro poi salgo al seno con quei capezzoli ancora turgidi. Ma è intorno allo sfintere che noto uno strato lucido, come se fosse stato lubrificato e sul comodino, a portata di mano, l'olio di vaselina.

Sto per parlare ma lei mi anticipa:

- Sono piena!

- Hai goduto?

- ... da impazzire, e tu?

- Anche io.

- Adesso mi sleghi?

Fisso ancora il suo corpo e respiro l'aroma di sesso che emana.

- Sei bella!

- Grazie! - sorride - Ma ora slegami ti prego!

Salgo sul letto e la bacio, sa di sesso la sua bocca.
Accarezzo il seno, il ventre e scendo sino alle labbra liscie e umide.
Slaccio i calzoni e poggio il pene rilassato sulla sua bocca. Lei non si fa pregare, dischiude le labbra ed inizia a leccarlo.

- Hai il sapore di un'altra donna... - mi fa notare.

- Anche tu hai il sapore di un altro uomo sulle labbra... ed hai il suo seme dentro.

Claudia mugula soddisfatta e dischiude le labbra al mio sesso. Mi sto nuovamente eccitando e mentre lei succhia mi spoglio, quando scendo dal letto per levarmi i calzoni lei ancora mi chiede di slegarla.

- Non ancora. - è la mia risposta

Torno su di lei, a cavallo del suo seno e le porgo il pene alla bocca, lei mi accoglie e mi ritrovo letteralmente a scoparle la gola.
Lei è molto abile e presto mi accorgo di non poterla reggere ancora.
Mi allontano da lei e, mentre riprendo fiato la slego.

- Ti fermi così? - domanda lei un po' delusa

- No.
Click to see original Image in a new window
La invito a portarsi sul bordo del letto guidandola con le mani sui fianchi, quindi mi inginocchi a terra e la bacio.
Lei risponde con passione poi si lascia cadere all'indietro con le gambe giù dal letto e divaricate.
La sua vulva lucida è semi aperta, è invitante.
La penetro scivolando dentro di lei.
Affondo completamente tra le pareti dilate e lubrificare dal seme che ha appena preso.

- Sei così aperta che non penso tu riesca a sentirmi! - le faccio notare.

- Ti sento... ti sento! - geme lei

Mi adagio su di lei alla ricerca dei suoi baci. Il suo corpo sudato preme contro il mio, è calda, caldissima, e si muove sotto di me cercando ancora piacere.

- Lo hai preso anche nel culo, vero?

- Sì!

- E come hai goduto?

- Anale... orgasmo anale - mormora lei con una voce roca dal piacere.

- E poi ti sei fatta riempire?

- Sì, lo volevo in pancia il suo seme. - Ammette lei, poi fissandomi negli occhi mi chiede - Lei come ...

- Lei lo ha voluto in gola.

- Succhia bene?

- Molto bene!

- Continua... - Geme Claudia

Sento che si contrae sulla mia carne, cerca il piacere.
La conosco e so come reagisce il suo corpo, porto le mani sul seno e le pizzico molto delicatamente i capezzoli mentre prendo il suo tempo.
Pochi istanti e Claudia inarca la schiena e freme di un nuovo orgasmo. Un piacere che riesco a seguire grazie alla copiosa lubrificazione del suo ventre.
La lascio godere, la penetro a fondo quando sento che inspira e colgo le leggere contrazioni orgasmiche.

- Mi riempi? - domanda lei appena riprende coscienza

- Con calma...

- Muoviti come vuoi, sono tua!

Avanza leggermente verso di me sino a portare le natiche fuori dal letto, quindi abbassa il pube offrendomi una vista splendida del suo corpo inarcato ed uno stimolo decisamente più intenso. Segue i miei affondi lenti ma profondi fissandomi negli occhi.
Quello sguardo, quegli occhi, il piacere dipinto sul suo viso, mi portano a provare un intenso piacere e vengo affondando completamente il pene nel suo ventre.

Quando anche io mi sono ripreso scivolo fuori da lei.

- Sei sazia?

Claudia geme e si mette seduta sul letto.
Abbassa lo sguardo sulla vagina e sfiora con la dita della mano il seme sulle labbra.

- Sazia! - mormora

Sorride e si alza uscendo dalla stanza ma sulla porta si volta e:

- Sazia per questa notte!

Printer Friendly Page Send this Story to a Friend Create a PDF from the article


Bookmark this article at these sites

                   



Powered by XOOPS @ 2001-2011 The XOOPS Project - Tutti i racconti sono proprietà dell'autore
Design by Rupescissa Xoopsed by Xo-Aminoss